Donne al volante Brasile 2014

Alla ricerca dell’anima più autentica del Brasile

Foto: Mappa Viaggio Brasile 2014 © Donne al volante

MappaBrasileSta quasi per giungere al termine la grande avventura di Mariella Carimini e Silvia Gottardi, donne al volante, in Brasile.
Ancora una volta a bordo della loro inseparabile Gazzamobile rosa, ma questa volta senza partire direttamente in auto da Milano perchè l’Oceano Atlantico è troppo grande! Inoltre, a differenza degli altri viaggi, non hanno attraversato più stati, ma il gigante dell’America Latina è senza dubbio uno dei paesi più affascinanti del mondo. Magnifiche spiagge di sabbia bianca, antiche per le coloniali, foreste pluviali incontaminate e metropoli che pulsano al ritmo di una musica travolgente. Circa 15.000km in macchina e in nave, alla ricerca dell’anima più autentica di questo paese, che si appresta ad accogliere i Mondiali di Calcio 2014 e le Olimpiadi 2016.

Donne al volante ci sono state in anteprima. L’itinerario è una bozza e donne al volante vivono l’avventura giorno per giorno con la libertà di cambiare direzione in base agli incontri fatti e alle esperienze. Un’avventura in Amazzonia e la scoperta di un’incredibile varietà di paesaggi e di ecosistemi, senza eguali nel resto del Pianeta. BRASIL 2014 di donne al volante è inoltre un viaggio solidale. Quest’anno donne al volante hanno deciso di sposare la campagna INDIFESA di Terre des Hommes che si pone l’obiettivo di risvegliare l’attenzione sui diritti negati alle più fragili ed indifese tra gli esseri umani, le bambine.

Inoltre la promozione del NUMERO TELEFONICO 100, messo a disposizione dal Governo Brasiliano per il “tifoso responsabile”, per combattere prostituzione e violenza minorile durante i Mondiali 2014.
Per leggere il loro libro: Donne al volante – BRASILE
Per maggiori informazioni su Donne al volante: donnealvolante.com
Per seguire il viaggio in Brasile e la posizione
Inoltre è possibile visitare il Blog di GAZZETTA.IT con articoli, foto e video durante il viaggio.


Libreria Palazzo Roberti

Intervista a Arturo Moro della Libreria Palazzo Roberti a Bassano del Grappa, un Polaris Point dove consultare e acquistare tutti i titoli Polaris in catalogo.
A cura di Anna Maspero

PALAZZO ROBERTI ingressoEntriamo insieme nella Libreria Palazzo Roberti, una grande libreria indipendente aperta dal 1998 nel centro storico di Bassano del Grappa in uno splendido palazzo nobiliare settecentesco, dove, nel salone affrescato del terzo piano, si susseguono incontri con l’autore, conferenze, concerti di musica classica ed esposizioni di fotografia . Ci accoglie Arturo Moro, responsabile del settore turismo, viaggi e sport, che da anni consiglia con passione e competenza chi non può partire senza anche un piccolo bagaglio di libri con sé, scegliendo nell’ampia offerta di titoli della libreria.

PALAZZO ROBERTI facciata anterioreDal tuo osservatorio privilegiato, puoi dirci in poche parole come sono cambiati i viaggiatori, i modi (e le mode) di viaggiare di oggi rispetto a quelli del recente passato?

Mi pare che negli ultimi anni i viaggi siano diventati più last-minute ed enogastronomici. Le guide le vendo più in Agosto che in Luglio, il che è tutto dire. Non si pianifica più niente, se rimangono dei soldi si va.


Immagino tu condivida l’affermazione di Tiziano Terzani secondo cui “i migliori compagni di viaggio sono i libri”…

Mah…secondo me meglio prima (decisamente) o dopo. In viaggio occhi aperti sul reale please.

Quali sono le qualità essenziali di un buon libro di viaggio?

Banalmente quella che ti fa venire voglia di andarci nei posti descritti, almeno (in posti tipo il K2!) con la fantasia.

È importante scegliere non solo una buona guida ma “la guida giusta”, quella cioè più adatta a un certo viaggio e a un certo tipo di viaggiatore. Come orientarsi in un’offerta così vasta, per non viaggiare tutti con la stessa guida lungo gli stessi percorsi?

Come libraio qualche volta mi pare di mettere il cliente sul lettino di Freud, e non sempre la terapia dà buoni frutti…

PALAZZO ROBERTI salone incontriPerché affiancare altre letture a una guida?

Perché non c’è piacere maggiore in un viaggio del confrontare quello che – sulla scorta delle letture – ti saresti aspettato di trovare e quello che effettivamente trovi.

Alcuni autori e alcuni titoli, classici o novità, che consiglieresti a nomadi o stanziali, per riflettere sul viaggio e sul mondo.

Così a casaccio citerei “Isole” di Lodoli su Roma, “Sacro Romano G.R.A.” di Bassetti e Matteucci, “Il romanzo della Costa Azzurra di Scaraffia, “Ebano” di Kapuscinski e il nostro di scrittore di viaggi migliore Paolo Rumiz con il suo “Trans Europa express”.

 

 

PALAZZO ROBERTI LOGO

 

 

 

 

 

LIBRERIA PALAZZO ROBERTI

Via Jacopo da Ponte, 34
36061 Bassano del Grappa  VI
Tel +39 0424 522537
Fax +39 0424 524792
www.palazzoroberti.it

Situata nel centro storico di Bassano del Grappa, la Libreria Palazzo Roberti rappresenta un punto di riferimento importante per la città che la ospita e per il territorio circostante. Aperto nel 1998, l’esercizio ha trovato la sua sede ideale in un palazzo nobiliare settecentesco, di proprietà della famiglia Manfrotto che tuttora gestisce l’attività dislocata al suo interno, un esempio pressoché unico in Italia di grande libreria indipendente. L’elegante contesto architettonico si sviluppa su tre piani, due dei quali – il piano terra e il mezzanino – sono destinati all’esposizione e alla vendita dei libri. Il Piano Nobile, invece, oltre ad alcune stanze, presenta un salone il cui restauro ha ridato luce agli splendidi affreschi che ne decorano le pareti.
Vi trovano posto incontri con l’autore, conferenze, concerti di musica classica, esposizioni di fotografia, che sono parte integrante della vivace attività della libreria. La volontà di proporsi come luogo di incontro e di confronto per il pubblico, offrendo un ambiente accogliente in cui scegliere le proprie letture, ha spinto la libreria a dotarsi di un’ampia offerta di titoli che spazia in tutti i campi dell’editoria.
Per facilitare il cliente, l’assortimento è stato organizzato in reparti e suddiviso in settori tematici, sui quali vigila la professionalità di ciascun responsabile, costantemente a disposizione dell’utente. La cultura aziendale si fonda sul connubio fra modernità e tradizione, il cui esito assicura l’attenzione rivolta alle novità del mercato editoriale, la passione e la competenza, proprie della tradizione libraria italiana.

Foto: Credits Studio Chilesotti


Libreria Ulrico Hoepli di Milano

hoepli_libreriaIntervista a Martina Salghetti-Drioli della storica Libreria Internazionale ULRICO HOEPLI di Milano, un Polaris Point con un fornitissimo settore tutto dedicato al mondo del viaggio.
A cura di Anna Maspero

Entriamo insieme nella grande Libreria Internazionale Hoepli situata nel cuore di Milano e distribuita su cinque piani, con uno staff specializzato nei vari argomenti. Ci accoglie Martina, l’esperta del settore viaggi.

Dal tuo osservatorio privilegiato, puoi dirci in poche parole come sono cambiati i viaggiatori, i modi (e le mode) di viaggiare di oggi rispetto a quelli del recente passato?

Negli ultimi anni la crisi ha inciso molto anche sul turismo, vedo quindi la tendenza a ridurre i viaggi, non solo come quantità, ma soprattutto come durata. Molti clienti, infatti, mi chiedono guide per soggiorni brevi sottolineando il desiderio di vedere molto in pochi giorni. Le mete più di moda quest’anno per i nostri clienti sono Australia, Oman, Israele e Budapest.

Immagino tu condivida l’affermazione di Tiziano Terzani secondo cui “i migliori compagni di viaggio sono i libri”…

Certamente e questa affermazione a mio avviso è ancora valida nonostante oggi sia possibile connettersi a internet ovunque e potendo quindi accedere anche in altri modi a informazioni o intrattenimento.

piano 4 - hoepliQuali sono le qualità essenziali di un buon libro di viaggio?

Dipende molto dal tipo di viaggio che si è scelto di intraprendere. Per il “turista fai da te” è importante che il libro sia completo e corretto nelle indicazioni e fornisca quante più informazioni possibile. Per viaggi organizzati, invece, è utile avere con sé un libro che aiuti ad entrare nella cultura, nello spirito e nelle tradizioni del paese. Il libro ideale dovrebbe forse racchiudere entrambe queste due anime.

È importante scegliere non solo una buona guida ma “la guida giusta”, quella cioè più adatta a un certo viaggio e a un certo tipo di viaggiatore. Come orientarsi in un’offerta così vasta, per non viaggiare tutti con la stessa guida lungo gli stessi percorsi?

Ovviamente facendosi consigliare da un libraio specializzato. Questo è uno dei punti di forza della Libreria Hoepli non solo per quanto riguarda il settore delle guide turistiche, ma per tutti i reparti e credo sia ciò che distingue le librerie indipendenti da quelle di catena.

Perché affiancare altre letture a una guida?

Per arricchire l’esperienza di viaggio e intraprendere un’esperienza quanto più unica e di valore. È davvero molto importante scegliere dei libri che aiutino a comprendere la cultura e la storia di un popolo.

Alcuni autori e alcuni titoli, classici o novità, che consiglieresti a nomadi o stanziali, per riflettere sul viaggio e sul mondo.

Consiglio L’infinito viaggiare di Claudio Magris (Mondadori) e L’arte di viaggiare di Alain De Botton (Guanda).

 

 

 

 

 

LIBRERIA INTERNAZIONALE ULRICO HOEPLI
Via Hoepli 5 – 20121 Milano (MI) Tel. 02 864871
libreria@hoepli.it
www.hoepli.it

La Grande Libreria Internazionale Ulrico Hoepli è una tra le più grandi librerie d’Italia e d’Europa. Situata nel cuore di Milano, in un sontuoso edificio costruito alle soglie del boom economico dagli architetti Figini e Pollini, ospita oltre 100.000 libri distribuiti su 5 piani e custoditi da oltre 40 librai esperti e qualificati sempre al servizio dei clienti.
Dal 2005 nasce inoltre La Grande Libreria Online Hoepli.it il sito web che rende accessibile a tutti, senza limitazioni geografiche, il ricco catalogo della libreria milanese. Il servizio e-commerce mette infatti a disposizione degli utenti oltre 500.000 titoli e la possibilità unica di scegliere e acquistare a qualsiasi ora e in qualsiasi luogo.
Le origini della libreria fisica e online sono da ricondurre all’incredibile figura di Ulrico Hoepli (1847 – 1935) giunto a Milano nel lontano 7 dicembre 1870 dopo aver rilevato per posta una piccola libreria nei pressi del Duomo. Grazie alla sua dedizione per il lavoro e alla sua passione per l’editoria ha creato una realtà unica e competitiva sul mercato che vanta ormai 143 anni di attività e che continua a innovarsi e a guardare al futuro.


Libreria Viaggeria di Trento

Foto Michele Furlani InsegnaIntervista a Michele Furlani della Libreria Viaggeria Di Trento, un Polaris Point dove consultare e acquistare tutti i titoli Polaris in catalogo.
A cura di Anna Maspero

Entriamo insieme nella libreria Viaggeria, aperta dal 1997 nel centro di Trento, dove trovare guide turistiche, carte, atlanti, narrativa di viaggio e soprattutto l’entusiasmo di Massimo e Michele due librai che davvero amano il proprio lavoro.

Dal tuo osservatorio privilegiato, puoi dirci in poche parole come sono cambiati i viaggiatori, i modi (e le mode) di viaggiare di oggi rispetto a quelli del recente passato?

I viaggiatori, nel corso degli ultimi anni, si sono probabilmente accorti che il mondo è molto più a portata di mano rispetto al passato; i voli sono più economici e gli strumenti per reperire informazioni utili alla gestione del viaggio abbondano. L’esigenza forse, oggi, è quella di trovare persone che possano essere d’aiuto nella scelta dello strumento adatto al proprio scopo. Di qui l’idea di aprire la Viaggeria e coltivarne, negli anni, la comunità che col tempo ne è cresciuta attorno.

Foto Michele Furlani Espositore Pubblicazioni CicloturisticheImmagino tu condivida l’affermazione di Tiziano Terzani secondo cui “i migliori compagni di viaggio sono i libri”…

Credo che i libri possano essere una buona compagnia anche se penso non siano indispensabili. Il miglior compagno di un viaggio credo sia la consapevolezza che un incontro, un paesaggio, un suono, un sapore diversi da quelli abituali arricchiscano la vita senza alterarne il senso.

Quali sono le qualità essenziali di un buon libro di viaggio?

Creare una suggestione, qualunque essa sia; offrire una chiave di lettura ad un paese ignoto; grande qualità nella scrittura.

È importante scegliere non solo una buona guida ma “la guida giusta”, quella cioè più adatta a un certo viaggio e a un certo tipo di viaggiatore. Come orientarsi in un’offerta così vasta, per non viaggiare tutti con la stessa guida lungo gli stessi percorsi?

È vero che, fortunatamente, oggi esistono guide diverse, ognuna delle quali adatta alle esigenze di viaggiatori e viaggi diversi. Sta probabilmente nella competenza del libraio il capire quali di queste rispondono a tali esigenze e consigliare, di conseguenza, il volume giusto.

Perché affiancare altre letture a una guida?

Per amplificare il piacere del viaggio, fatto anche di gran ricerca preliminare come di un’eco al ritorno. Letture prima, dopo e durante il viaggio aiutano certamente a renderlo un’esperienza di vita.

Alcuni autori e alcuni titoli, classici o novità, che consiglieresti a nomadi o stanziali, per riflettere sul viaggio e sul mondo.

Un viaggio può essere raffinato nelle parole di Paolo Rumiz, divertente tra le pagine di Bill Bryson, suggestivo in Shantaram di Gregory David Roberts, avventuroso in Tra noi e la libertà di Slavomir Rawicz.

 

LIBRERIA VIAGGERIA
Via San Vigilio, 20 – 38122 – TRENTO (TN) – Tel. 0461 233337
libreriaviaggeria@yahoo.it
www.libreriaviaggeria.it
Orario Lun 14.30 19,20 / Mar – Sab 9.00 19.20
In Giugno Luglio Agosto e Dicembre il Lunedì aperti tutto il giorno 9.00 19.20. In Dicembre anche la Domenica 9.00 19.20.

La Libreria Viaggeria è la bottega per i vostri viaggi dove reperire gli strumenti necessari ad un’esperienza più completa e più appagante. Qui trovate guide turistiche, carte e atlanti stradali ma non solo, anche narrativa di viaggio e volumi illustrati, mappamondi e carte murali, dizionari e frasari, guide per il cicloturismo e la mountain bike, manuali di nautica e un ampio settore dedicato alla montagna. Soprattutto, in Viaggeria trovate l’entusiasmo di chi ama il proprio lavoro e un luogo nuovo che in questi anni, non senza difficoltà, è stato sempre più utilizzato e apprezzato. Un luogo per voi appassionati di viaggio e di natura!


Libreria Gulliver di Verona

gulliver_mondoIntervista a Luigi Licci Responsabile de La libreria Gulliver di Verona, un Polaris Point dove consultare e acquistare tutti i titoli Polaris in catalogo.
A cura di Anna Maspero

Entriamo insieme nella libreria Gulliver, a due passi dalla casa di Giulietta, specializzata in viaggi. Luigi Licci, un libraio viaggiatore, l’ha rilevata sei anni fa cambiando vita e coronando un suo vecchio sogno. Non solo è sempre prodigo di consigli preziosi, ma organizza anche incontri e corsi dove è possibile dialogare con tanti autori e altri viaggiatori.

Dal tuo osservatorio privilegiato, puoi dirci in poche parole come sono cambiati i viaggiatori, i modi (e le mode) di viaggiare di oggi rispetto a quelli del recente passato?

Il web e una offerta molto aumentata di guide in italiano rispetto al passato rendono chi ci viene a trovare assai più preparato ed esigente , il che spinge anche noi ad essere sempre più responsabilizzati ed attenti. Riguardo le tendenze del momento, direi slow travel ( quindi cicloturismo , trekking, grandi viaggi a piedi o ciaspole per la montagna d’inverno) e viaggi responsabili ; registriamo però anche molto interesse per viaggi in moto ed in camper.

Immagino tu condivida l’affermazione di Tiziano Terzani secondo cui “i migliori compagni di viaggio sono i libri”…

In realtà sono dell’ idea che i libri siano ottimi compagni di vita e non solo di viaggio, ma penso anche che riuscire a condividerli (libri e …viaggi) sia altrettanto importante.

Quali sono le qualità essenziali di un buon libro di viaggio?

Istintivamente direi quando ci introduce in modo efficace nel paese oggetto del viaggio e\o se ci accompagna piacevolmente quando lo si visita, ma in realtà un libro è valido (per scrittura, capacità di coinvolgimento, scorrevolezza…) a prescindere dalla sua catalogazione , che talvolta è un po’ ghettizzante.

libreria_gulliverÈ importante scegliere non solo una buona guida ma “la guida giusta”, quella cioè più adatta a un certo viaggio e a un certo tipo di viaggiatore. Come orientarsi in un’offerta così vasta, per non viaggiare tutti con la stessa guida lungo gli stessi percorsi?

Una libreria specializzata è tale non solo per l’ ampiezza delle proposte , ma anche per la disponibilità di chi la gestisce a condividere le proprie esperienze ed affiancare i clienti\ viaggiatori per minimizzare l’ effetto da… asino di Buridano creato da un’offerta sin troppo ampia, soprattutto per le destinazioni più gettonate. Accertare con tatto la durata del viaggio, il desiderio di avere anche suggerimenti pratici, il maggior interesse su alcuni aspetti rispetto ad altri sono tutti fattori che ci aiutano nell’ assistere al meglio chi viene da noi, privilegiandoci rispetto a grandi librerie di catena o ad un acquisto on line.

Perché affiancare altre letture a una guida?

Per conoscere meglio il paese che visitiamo e viverlo (o riviverlo) in compagnia di chi lo ha assaporato prima di noi ma anche, molto semplicemente per i tanti tempi lunghi (mai morti!) che un viaggio porta con sé, dai tragitti in aereo od in nave all’ attesa di un treno … sarò anacronistico, poi, ma a guide e letture continuerei ad affiancare anche una buona carta!

Alcuni autori e alcuni titoli, classici o novità, che consiglieresti a nomadi o stanziali, per riflettere sul viaggio e sul mondo.

Sono di parte, e quindi consiglierei autori che ho avuto la gioia di conoscere scoprendo che umanamente sono ancor meglio di come scrivono: penso quindi a Stefano Faravelli (in particolare ai suoi carnets sull’India e sull’Egitto), a Pino Cacucci (Le balene lo sanno ma anche Demasiado corazon), Andrea Bocconi (Viaggiare e non partire) Emilio Rigatti (Italia fuorirotta e Yo no soy gringo), Eddy Cattaneo (Mondo Viaterra), Giuseppe Cederna (Il grande viaggio)… Tra coloro che purtroppo non ho fatto in tempo ad incontrare, direi l’opera omnia di Ryszard Kapuscinski e di Giorgio Bettinelli.

 

6_gulliver_logo

 

 

 

 

GULLIVER Libri per viaggiare
Via Stella, 16/b – 37121 – Verona
Tel. 045 8007234 – Fax 045 8038441
www.gullivertravelbooks.it

Aperta tutto l’anno, orario 9,30-12,30 /15,30-19,30, con chiusura settimanale il lunedì mattina.

Come la tolda di una nave, un piccolo soppalco domina l’ambiente della libreria ove il ritmo degli scaffali di legno colmi di libri è interrotto da mappamondi di ogni tipo e da planisferi ed acquerelli di viaggio. Da oltre venti anni “Gulliver” soddisfa a 360 gradi le esigenze di chi viaggia, con guide e carte (stradali , murali ed escursionistiche) di pressoché tutte le nazioni del mondo, oltre a saggistica e letteratura di viaggio con gli autori più significativi per ogni paese. Oltre ai tanti scaffali di guide e letture divisi per continenti, molti altri sono dedicati specificatamente a manualistica e narrativa di montagna, escursionismo,mare, camper, moto e cicloturismo mentre in alto dominano volumi fotografici, spesso esposti di facciata. Punto di forza da sempre sono i mappamondi, con pezzi originali di fine ‘800, splendide riproduzioni di un artigiano inglese specializzato e globi contemporanei dal buon rapporto qualità/prezzo. 


Ricordo di Bruno Boschin

La Libreria del Viaggiatore a Via del Pellegrino era una mia tappa fissa quando ero di passaggio per Roma. Cinquanta metri quadri pieni di libri e di sogni. Mi perdevo fra gli scaffali stracolmi di libri nuovi e antichi, aspettando, fra un cliente e l’altro, una pausa per continuare la chiacchierata con Bruno Boschin, che quella libreria aveva creato nel 1991 ed era sempre capace di orientarti e consigliarti con grande tatto e competenza, qualità sempre più rare. Nel febbraio del 2014 Bruno Boschin se ne è andato per sempre in terre lontane. “Quando muore qualcuno, agli altri spetta di vivere anche per lui” ha scritto Baricco. E noi vogliamo ricordarlo con le sue stesse parole. Avevamo scelto lui come primo libraio da intervistare per i Polaris Point perché era un vero punto di riferimento per tanti viaggiatori e non solo romani. Ci mancheranno i suoi consigli, ma sarà con noi fra le pagine dei libri che tanto amava.
Anna Maspero

libreriadelviaggiatoreroma3“Non esiste un vascello veloce come un libro per portarci in terre lontane” scriveva Emily Dickinson. Oggi in tempi di voli low cost e di navigazione nel web, le sue parole sono ancora valide

Credo siano ancora valide e ne verifico con soddisfazione l’attualità quando un nuovo cliente conclude la sua prima esplorazione della libreria manifestando una piacevole sensazione di spaesamento. Non so quanto fosse grande la camera in cui Emily Dickinson trascorse la maggior parte della sua vita viaggiando con l’immaginazione; lo spazio in cui riescono a “perdersi” i nostri   clienti, grazie ai libri, è di appena 50 mq.

Dal tuo osservatorio privilegiato, puoi dirci in poche parole come sono cambiati i viaggiatori, i modi (e le mode) di viaggiare di oggi rispetto a quelli del recente passato?

Cicloturismo, Vacanze sostenibili, Slow travel, Pellegrinaggi sono settori della libreria che stanno raccogliendo un crescente interesse di pubblico. La mia impressione è che sia diminuita la frenesia di piantare il maggior numero possibile di bandierine sul planisfero di casa; la qualità si sta prendendo una rivincita sulla quantità.

Immagino tu condivida l’affermazione di Tiziano Terzani secondo cui “i migliori compagni di viaggio sono i libri”…

Ho una grande ammirazione per i viaggiatori solitari ma non faccio parte di questa categoria. Un compagno o una compagna di viaggio in carne e ossa, se buoni, mi sembrano più preziosi di qualsiasi lettura.

libreriadelviaggiatoreromaQuali sono le qualità essenziali di un buon libro di viaggio?

Non penso che i libri di viaggio debbano avere qualità particolari e diverse da quelle di tutti gli altri libri. Un buon libro di viaggio in primo luogo deve essere scritto bene. Capita spesso che l’aver fatto esperienze di viaggio interessanti stimoli il desiderio di metterle nero su bianco, ma altrettanto spesso un risultato totalmente soddisfacente per conservare i propri ricordi non giustifica l’attenzione di un pubblico più vasto. Sensibilità dell’osservatore e originalità dei contenuti uniti alla capacità di usare la lingua scritta costituiscono una combinazione preziosa, quindi rara.


È importante scegliere non solo una buona guida ma “
la guida giusta”, quella cioè più adatta a un certo viaggio e a un certo tipo di viaggiatore. Come orientarsi in un’offerta così vasta, per non viaggiare tutti con la stessa guida lungo gli stessi percorsi?

Durata del viaggio e necessità o meno di usare la guida per risolvere problemi logistici sono i primi elementi da considerare e in qualche caso possono bastare per determinare la scelta. Per alcune destinazioni, però, l’offerta è talmente ricca che si può spingere molto oltre il grado di personalizzazione: peso, dimensione dei caratteri di stampa, presenza d’illustrazioni e di cartine, aggiornamento, costo … ci si può sbizzarrire. Una buona guida può aiutare la riuscita del viaggio ma non dimentichiamoci che la sua originalità dipende sempre e solo dall’attitudine del viaggiatore.

Perché affiancare altre letture a una guida?

Leggere brani dell’Odissea con la schiena poggiata ad una colonna di un antico tempio greco a Selinunte, passeggiare tra i templi di Elephanta leggendo le descrizioni che ne fa Cesare Brandi nel suo Persia Mirabile, bersi un caffè in un bar di Provincetown – sulla penisola di Cape Cod – sfogliando Moby Dick di Melville… si potrebbe andare avanti all’infinito. Sarebbe un vero peccato privarsi di piaceri così grandi.

libreriadelviaggiatoreroma2Alcuni autori e alcuni titoli, classici o novità, che consiglieresti a nomadi o stanziali, per riflettere sul viaggio e sul mondo.

Rimando alla risposta precedente in cui alcuni autori sono stati citati non a caso. Fortunatamente si potrebbe continuare a lungo, limiterò le segnalazioni a qualche libro che forse risulterà meno ovvio rispetto a quelli solitamente citati in queste occasioni :

Paul Morand Viaggiare Archinto
Evelyn Waugh Quando viaggiare era un piacere Adelphi
Stenio Solinas Vagamondo Edizioni Settecolori
Nicolas Bouvier La polvere del mondo Diabasis.

LIBRERIA DEL VIAGGIATORE

NUOVA SEDE
Via del Pellegrino, 165
00186 Roma
Tel +39 06 8350 3490