Gianluca Solinas, un amico che non c’è più

È scomparso Gianluca Solinas, collaboratore della casa editrice e autore della bella guida dedicata alla sua amata Thailandia. Il sorriso, il garbo, la correttezza erano le caratteristiche che subito te lo rendevano simpatico.

Ma, prima di tutto, Gianluca era un giornalista, di quelli veri. Lo si capisce dalle parole scritte in questi giorni dai suoi colleghi che ne ricordano la professionalità, lo si intuisce leggendo la sua guida in cui lo sguardo curioso e la mente aperta ci hanno restituito un paese lontano dai facili schemi del turismo mordi e fuggi e dei consueti luoghi comuni, l’abbiamo colto immediatamente quando lavoravamo alla chiusura del libro e alle nostre frequenti telefonate immancabilmente obiettava “scusa, ma sono in conferenza stampa”, “ti richiamo, c’è una manifestazione”, “tra una settimana si vota, sto preparando uno speciale” con toni di voce alternativamente sussurrati, urlati o affranti, ma in cui si avvertiva il massimo dell’impegno. Amava il suo lavoro di giornalista, ma soprattutto amava scrivere. E dopo la guida della Thailandia nuovi progetti stavano prendendo forma e già ne avevamo discusso ipotizzando collane, titoli e copertine. Non c’è stato il tempo.


Comments are disabled for this post